Skip to content

Batterie FAQ - Tutti i tipi di batterie

Sfoglia gli argomenti

Istruzioni di conservazione

Sì. Temperature estremamente alte o basse riducono le prestazioni delle batterie. Per questo motivo, consigliamo di conservare le batterie a temperatura ambiente e in un luogo asciutto. Consigliamo di evitare di mettere i dispositivi alimentati a batteria in ambienti molto caldi. Inoltre, la refrigerazione non è necessaria o consigliata.

Per prestazioni ottimali, tenere le superfici di contatto delle batterie e i contatti del vano batterie sempre puliti.

La refrigerazione non è necessaria o consigliata, in quanto il caldo o il freddo possono ridurre le prestazioni delle batterie. Consigliamo di conservare le batterie a temperatura ambiente e in un luogo asciutto. Evitare di conservare le batterie o i dispositivi alimentati a batterie in ambienti molto caldi.

Le batterie Procell AA, AAA, C e D offrono prestazioni affidabili fino a 7 anni se correttamente conservate. Le batterie Procell 9V e 4.5V hanno una durata fino a 5 anni.

Istruzioni per l'uso

Le batterie possono sembrare semplici, ma l’erogazione di potenza racchiusa in dimensioni così compatte nasconde in realtà un processo elettrochimico complesso.

La corrente elettrica sotto forma di elettroni inizia a circolare nel circuito esterno quando il dispositivo, per esempio una lampadina, viene acceso. In quell’istante, il materiale dell’anodo, cioè lo zinco, cede due elettroni per atomo in un processo chiamato ossidazione, lasciando degli ioni instabili nella carica dello zinco (Zn). Dopo che gli elettroni hanno svolto la propria funzione alimentando la lampadina, rientrano nella batteria in corrispondenza del catodo, dove si uniscono al materiale attivo, il diossido di manganese, in un processo chiamato riduzione.

I processi di ossidazione e riduzione non potrebbero avere luogo all’interno di una batteria se non vi fosse una via interna che riporta gli elettroni all’anodo, bilanciando in questo modo il flusso esterno di corrente. Questo processo avviene grazie al movimento degli ioni di idrossido con carica negativa presenti nella soluzione acquosa chiamata elettrolita.

Ogni elettrone che entra nel catodo reagisce con il disossido di manganese per formare il composto MnOO-. Quindi, l’MnOO- reagisce con l’acqua dell’elettrolita. In questa reazione, l’acqua si separa, rilasciando ioni di idrossido nell’elettrolita e ioni di idrogeno che si uniscono con l’MnOO- per formare l’MnOOH.

Il circuito interno è completato quando gli ioni di idrossido prodotti in questa reazione in corrispondenza del catodo fluiscono verso l’anodo sotto forma di corrente ionica. Lì, si uniscono con gli ioni di zinco instabili formatisi nell’anodo quando gli elettroni sono stati inizialmente rilasciati nel circuito esterno. Questo produce ossido di zinco e acqua, completando quindi il circuito (necessario per avere un flusso costante di elettricità) e alimentando il dispositivo.

La durata di una batteria si misura in milliampereora (mAh). Questa unità misura la potenza (elettrica) nel corso del tempo.

I seguenti consigli possono contribuire a prolungare la durata delle batterie:

  • Spegnere le radio e gli apparecchi alimentati a batteria quando non in uso
  • Conservare le batterie in un luogo asciutto, a temperatura ambiente e senza far toccare i contatti

Sostituire sempre le batterie dei diversi apparecchi con il formato e il tipo specificato dal produttore del dispositivo. Per i formati di batteria standard (AAA, AA, C, D, 9V), le batterie alcaline sono spesso quelle consigliate per ottenere prestazioni ottimali. Le batterie zinco-carbone hanno una durata di vita inferiore e pertanto i dispositivi potrebbero non funzionare correttamente qualora venissero alimentati con batterie zinco-carbone. Questo è dovuto a un valore di mAh e a una carica inferiori che caratterizzano i processi chimici delle batterie zinco-carbone.

Inoltre, per i dispositivi professionali ad alto consumo, Procell consiglia di utilizzare batterie alcaline Procell Intense Power, progettate con un profilo energetico che dura più a lungo (rispetto alle precedenti batterie industriali alcaline Duracell AA e AAA) nei dispositivi professionali ad alto consumo che richiedono un’elevata quantità di energia o picchi di domanda, come ad esempio i monitor per il controllo della pressione sanguigna, i dispenser di sapone o le torce.

Consigliamo di sostituire tutte le batterie di un dispositivo nello stesso momento. Una batteria parzialmente usata preleverà energia da una nuova, riducendo così la quantità totale di energia della batteria disponibile.

No, batterie di tipo diverso offrono durata e potenza diverse. Questo può dipendere dalla composizione chimica della batteria, ma anche dalle esigenze dei dispositivi che alimentano.

No, le batterie Procell non sono destinate all’utilizzo sott’acqua o in condizioni di vuoto. Il design delle batterie Procell è pensato per il funzionamento alle seguenti temperature:

Da -20 °C a 54 °C, con batterie a moneta al litio e batterie al litio ad alta potenza utilizzate a temperature da -20 °C a 60 °C

Non è consigliabile mescolare batterie vecchie e nuove. Mescolare le batterie può ridurre le prestazioni generali e causare perdite o rotture delle batterie. Quando necessario, consigliamo di sostituire tutte le batterie contenute nel dispositivo.

Le batterie vanno rimosse dai dispositivi:

  • Quando sono usurate. Un segno di usura delle batterie potrebbe essere la perdita di potenza del dispositivo o un valore inferiore segnalato dal voltmetro.
  • Il dispositivo è alimentato da corrente CA e non dalla batteria

Seguire attentamente le istruzioni sul dispositivo in merito al corretto inserimento delle batterie, assicurandosi che i poli positivo (+) e negativo (-) siano correttamente allineati. Questo dovrebbe essere indicato chiaramente sia sul dispositivo che sulle batterie.

ATTENZIONE: alcuni apparecchi che utilizzano tre o più batterie potrebbero sembrare correttamente funzionanti anche se una batteria non è installata correttamente; tale utilizzo potrebbe provocare perdite o rotture delle batterie, con conseguente danneggiamento dell’apparecchio.

Le batterie alcaline Procell possono essere utilizzate in tutti i dispositivi, a basso, medio e alto consumo. Tuttavia, Procell ha realizzato la gamma di batterie alcaline Intense Power appositamente per durare più a lungo (rispetto ai modelli precedenti di batterie alcaline industriali Duracell AA, AAA, C e D) nei dispositivi professionali ad alto consumo che richiedono un’elevata quantità di energia o picchi di domanda, come serrature elettroniche, dispenser di sapone o telecamere di sicurezza.

Le batterie alcaline Procell possono essere utilizzate in tutti i dispositivi, a basso, medio e alto consumo. Tuttavia, Procell ha realizzato la gamma di batterie alcaline Intense Power appositamente per durare più a lungo (rispetto ai modelli precedenti di batterie alcaline industriali Duracell AA, AAA, C e D) nei dispositivi professionali ad alto consumo che richiedono un’elevata quantità di energia o picchi di domanda, come serrature elettroniche, dispenser di sapone o telecamere di sicurezza.

Composizione chimica delle batterie

Solo le batterie specificamente denominate “ricaricabili” possono essere ricaricate. Eventuali tentativi di ricaricare una batteria non ricaricabile possono provocare perdite o rotture. Le batterie alcaline Procell non sono ricaricabili.

l termine “alcalino” si riferisce ai componenti chimici che costituiscono questa categoria di batterie.

Le batterie alcaline o alcaline al diossido di manganese offrono molti vantaggi rispetto alle batterie zinco-carbone, inclusa una capacità in ampereora fino a 10 volte superiore in condizioni di scarico elevato e continuo. Inoltre, le prestazioni alle basse temperature sono superiori rispetto alle altre batterie standard con elettroliti acquosi. Altri vantaggi significativi includono una maggiore durata di conservazione, una migliore resistenza alle perdite e prestazioni superiori alle basse temperature. Il sigillo più efficace e sicuro offre una resistenza eccellente alle perdite e alla corrosione.

Attualmente Procell produce due batterie alcaline: Procell Alkaline e Procell Alkaline Intense Power

Le batterie al litio e quelle alcaline hanno una diversa composizione chimica ai fini delle massime prestazioni in dispositivi diversi.

Le batterie industriali Duracell erano le batterie professionali vendute da Duracell. Tali batterie sono state sostituite dalle batterie Procell per servire esclusivamente il mercato delle batterie professionali con un brand premium concepito per utenti finali professionali, tutto questo grazie a:

  • Batterie più a lunga durata (rispetto alle precedenti batterie alcaline industriali AA e AAA)
  • Ingegneria basata su una comprensione più approfondita dei dispositivi professionali e delle categorie di batterie
  • Un approccio commerciale incentrato sul cliente
  • Un team multifunzionale globale dedicato al B2B e dotato di elevate competenze tecniche

Procell raccomanda* di utilizzare batterie Procell Intense Power nei dispositivi ad alto consumo quali: (elenco non esaustivo)

  • Monitor per il controllo della pressione sanguigna
  • Dispenser di asciugamani di carta
  • Serrature elettroniche
  • Telecamere di sicurezza
  • Termometri
  • Casseforti a muro
  • Flash per fotocamere
  • Pompe per infusione
  • Suturatrici meccaniche
  • Erogatori automatici di deodorante
  • Miscelatori per cemento osseo
  • Elettrobisturi
  • Videocitofoni wireless
  • Bidoni della spazzatura con sensori di movimento
  • Dispenser di sapone/igienizzante
  • Sistemi oscuranti elettrici
  • Pompe di insulina

*La durata della batteria può variare in base a frequenza di utilizzo, temperature di esercizio, carico applicato e tensione di interruzione

Procell raccomanda* di utilizzare batterie alcaline Procell nei dispositivi generici a basso e medio consumo, quali: (elenco non esaustivo)

  • Sensori di movimento/peso
  • Tastiere wireless
  • Tastierini antifurto
  • Telecomandi
  • Misuratori di portata
  • Otoscopi
  • Walkie talkie
  • Glucometri
  • Livelle laser
  • Timer
  • Sveglie
  • Bilance pesapersone
  • Pulsossimetri
  • Mouse wireless
  • Termostati digitali
  • Tracker Bluetooth
  • Cardiofrequenzimetri
  • Rilevatori di fumo/monossido di carbonio

*La durata della batteria può variare in base a frequenza di utilizzo, temperature di esercizio, carico applicato e tensione di interruzione

Come sono fatte le batterie

Le batterie sono oggetti piccoli, ma tutt’altro che semplici.

Sono celle elettrochimiche altamente tecnologiche. L’energia chimica viene convertita in energia elettrica tramite una reazione di ossidoriduzione. Questo processo avviene tra i tre componenti principali di una batteria, ovvero anodo, catodo ed elettrolita.

Per questi tre componenti, tipi diversi di batterie utilizzano materiali differenti. I materiali di questi componenti si scelgono in base alla loro capacità di rilasciare o attirare gli elettroni, aspetto fondamentale affinché venga generata una corrente elettrica.

L’anodo è spesso un metallo, il catodo un ossido di metallo e l’elettrolita una soluzione salina che agevola il flusso di ioni.

Intorno al 1860, il francese George Leclanché sviluppò quella che era l’antenata della prima batteria di uso comune al mondo: la batteria zinco-carbone.

L’anodo era una barretta di zinco e lega di mercurio (lo zinco, l’anodo della batteria originale di Alessandro Volta, aveva dimostrato di essere uno dei metalli migliori a questo scopo). Il catodo era un setto poroso di diossido di manganese in polvere e carbonio. Nel composto era inserita una barretta in carbonio che fungeva da collettore di corrente attraverso la carica del carbonio. Sia il setto dell’anodo che del catodo erano immersi in una soluzione liquida di cloruro di ammonio, che fungeva da elettrolita. Il sistema si chiamava “batteria liquida”.

Anche se la batteria di Leclanché era resistente e poco costosa, negli anni ’80 dell’800 fu sostituita dalla migliorata “batteria a secco”. L’anodo era ora un recipiente di zinco contente la cella e l’elettrolita liquido fu sostituito da una pasta: in pratica, la batteria zinco-carbone conosciuta oggi.

No, tutte le batterie Procell sono prive di mercurio.

La data riportata sulla confezione delle batterie Procell corrisponde alla data di scadenza, che rappresenta la durata di conservazione. La data di produzione non è riportata sulle batterie Procell, ma può essere calcolata a partire dalla data di scadenza in base alle seguenti linee guida:

Le batterie Procell AA, AAA, C e D offrono prestazioni affidabili fino a 7 anni se correttamente conservate. Le batterie Procell 9V durano fino a 5 anni.

Ambiente

Tutte le batterie (alcaline, ricaricabili, al litio, all’ossido di argento, zinco-aria) possono e devono essere riciclate secondo le linee guida locali.

Le batterie alcaline Procell sono composte principalmente da metalli comuni (come acciaio, zinco e manganese) e non rappresentano un rischio per la salute o l’ambiente durante il normale utilizzo o lo smaltimento. Fin dai primi anni ’90, abbiamo deliberatamente eliminato tutto il mercurio aggiunto dalle batterie alcaline Procell, mantenendo intatte le prestazioni richieste dai consumatori.

Le batterie alcaline Procell sono costituite principalmente da metalli comuni (come acciaio, zinco e manganese) e non rappresentano un rischio per la salute o l’ambiente durante il normale utilizzo o lo smaltimento. Fin dai primi anni ’90, Procell ha deliberatamente eliminato tutto il mercurio aggiunto dalle batterie alcaline Procell, mantenendo intatte le prestazioni richieste dai consumatori.

Risoluzione dei problemi

Nel caso improbabile in cui una batteria si bagni e risulti ricoperta da una polvere bianca, è necessario limitare al minimo la manipolazione della batteria. Maneggiare la batteria solo ai fini della rimozione e dello smaltimento e lavare immediatamente le parti del corpo e i capi di abbigliamento esposti con acqua e sapone. In caso di contatto con gli occhi, sciacquare immediatamente gli occhi con acqua corrente per almeno 15 minuti e rivolgersi immediatamente a un medico.

Anche se la maggior parte delle batterie contiene sostanze chimiche che non causano danni alla pelle, qualunque contatto diretto tra la pelle e l’idrossido di potassio (KOH) o eventuali componenti chimici interni delle batterie deve essere considerato come esposizione a sostanze chimiche. Adottare sempre le dovute precauzioni quando si maneggiano sostanze chimiche esposte delle batterie. Le sostanze chimiche delle batterie non devono essere messe vicino agli occhi o ingerite. Qualora questo avvenga, rivolgersi immediatamente a un medico.

In caso di perdite, seguire questi consigli per la pulizia.

  • Lavorare in un’area ben ventilata.
  • Indossare guanti e occhiali di sicurezza.
  • Rimuovere i residui di perdite dai contatti elettrici utilizzando uno stuzzicadenti o un cotton-fioc.
  • Assicurarsi che il dispositivo elettronico sia completamente asciutto prima di provare una nuova batteria.

Per evitare problemi in futuro, adottare le seguenti precauzioni:

  • Non utilizzare batterie di marche diverse nello stesso dispositivo.
  • Rimuovere le batterie dai dispositivi non utilizzati.
  • Per pulire eventuali perdite dalle batterie alcaline, NiCd e NiMH, utilizzare un composto formato in parti uguali da aceto o succo di limone e acqua (50/50).

Non incendiare o smaltire MAI le batterie nel fuoco, in quanto potrebbero esplodere, rompersi e causare seri rischi per la sicurezza.

Dove acquistare

In caso di problemi con le batterie Procell, contattare il numero 0800 101 2112

Per contattare un distributore locale di batterie Procell, visitare il nostro sito Web per scoprire dove acquistare i prodotti.